NaturalMente Verde
Alimentazione

Cavolfiore un ortaggio con molteplici benefici

Cavolfiore un ortaggio con molteplici benefici

Cavolfiore un alimento capace di apportare molteplici benefici al nostro organismo.

Una verdura invernale, appartenente alla famiglia delle crucifere, fonte di vitamine e minerali con molteplici benefici per la salute. Aiuta migliorare la salute degli occhi, protegge il cuore, riduce il rischio di cancro, ottimo contro il diabete, mantiene l’equilibrio ormonale, disintossica il corpo e aiuta a perdere peso. Il potere antiossidante del cavolfiore aiuta a rafforzare il sistema immunitario. Aiuta anche a mantenere la salute delle ossa e delle cellule, l’equilibrio elettrolitico e livelli ottimali di colesterolo.

Varietà di cavolfiori

In Italia si coltivano da sempre molte varietà di cavolfiore. Tra quelle di colore bianco troviamo il tardivo di Fano, il gigante di Napoli, il primaticcio di Toscana e il cavolfiore di Moncalieri. Le infiorescenze di colore verde comprendono invece il verde di Macerata, il verde di Palermo, il romanesco e la cima di cola della Puglia. Il colore giallo si ritrova nel cavolfiore precoce di Jesi, mentre il viola è tipico del violetto di Catania.

Valori Nutrizionali

Il cavolfiore contiene oligoelementi: potassio, magnesio, calcio, ferro, manganese, zinco, fluoro, vitamine C, K, B1, B2, B6, beta-carotene, acido folico, enzimi e fibre. Fra le vitamine, la C è un antiossidante alleato delle difese immunitarie importante per la sintesi del collagene. Quelle del gruppo B favoriscono un buon metabolismo; la vitamina K è coinvolta nei processi di coagulazione. Infine, fra i minerali, il potassio aiuta a proteggere la salute cardiovascolare e il calcio e il fosforo quella di ossa e denti; il manganese partecipa alle difese antiossidanti dell’organismo.

Il modesto contenuto calorico, solo 25 calorie per ogni etto di prodotto, lo rende un ortaggio leggero e particolarmente indicato nelle diete ipocaloriche.

Benefici per la salute

Oltre al delizioso sapore, offre un grande valore nutrizionale che può essere attribuito alla presenza di sostanze fitochimiche potenti. Essi aiutano a combattere varie malattie e promuove un’immunità più forte, contribuendo nel contempo a mantenere un organismo pulito.

Previene lo stress ossidativo

Il cavolfiore contiene delle sostanze fitochimiche, chiamate indoli e glucosinati, vale a dire glucobrassicina, glucorapanina e gluconasturtiina. Questi componenti stimolano gli enzimi che bloccano il cancro e proteggono le cellule del corpo dallo stress ossidativo e dai danni causati dai radicali liberi.

Migliora la salute cardiovascolare

Il consumo regolare di cavolfiore garantisce la circolazione sanguigna e aiuta a mantenere i vasi sanguigni, che può essere attribuito alla presenza di glucorafanina e vitamina K. La glucorapanina viene convertita in isotiocianati che attivano le attività antinfiammatorie e prevengono l’accumulo di lipidi nei vasi sanguigni. Questo aiuta a ridurre il rischio di aterosclerosi e promuove la salute cardiovascolare. La ricerca ha anche dimostrato che la funzione antitrombotica e antipiastrinica dell’indolo-3-carbinolo contribuisce in modo significativo a un cuore sano. Anche l’Omega-3 presente sotto forma di acido alfa-linolenico contribuisce a questa attività benefica.

Previene i disturbi dello stomaco

Il cavolfiore è una fonte di fibra alimentare che aiuta la digestione e favorisce l’eliminazione delle tossine dal corpo. La presenza di glucosinolati, glucorafanina e sulforafano in questa verdura protegge il rivestimento dello stomaco e stimola la crescita dei batteri Heliobacter pylori. Oltre a questo meccanismo di difesa, gli isotiocianati alimentari nel cavolfiore prevengono le ulcere gastriche e cancro del colon.

Alleato della vista

È ricco di vitamina C e antiossidanti, quindi può anche essere efficace nel ridurre il rischio di degenerazione maculare legata all’età che può portare alla cecità, in particolare negli anziani. Il sulforafano presente nel cavolfiore protegge i tessuti della retina dai danni causati dallo stress ossidativo; previene la compromissione della vista e vari disturbi agli occhi come la cataratta.

Alleato della pelle

Studi di ricerca hanno dimostrato che il sulforafano presente nel cavolfiore è efficace nel proteggere la pelle dal danno causato dalle radiazioni ultraviolette. L’azione protettiva del sulforafano difende il corpo da infiammazioni, cancro della pelle, eritema indotto da UV e danno cellulare.

Mantiene l’equilibrio elettrolitico

Il contenuto di potassio nel cavolfiore aiuta a mantenere l’equilibrio elettrolitico nel corpo, che è essenziale per il funzionamento del sistema nervoso nella trasmissione degli impulsi nervosi e delle contrazioni muscolari.

Cura i problemi respiratori

Contiene indolo-3-carbinolo, che è efficace nel trattamento della papillomatosi respiratoria ricorrente causata dal papilloma virus umano che colpisce le corde vocali della laringe, della trachea, dei polmoni e dei bronchi. Studi hanno dimostrato che l’aumento del consumo di verdure crocifere, come il cavolfiore, aiuta a ridurre la gravità della papillomatosi respiratoria.

Disintossica il corpo

L’inclusione di verdure crocifere come il cavolfiore nell’alimentazione è estremamente importante per il sistema di disintossicazione del corpo. Contiene indolo-3-carbinolo, un fitonutriente che, insieme al sulforafano, aiuta ad attivare e regolare la funzione degli enzimi disintossicanti, favorendo lo smaltimento delle sostanze nocive.

Migliora la salute delle ossa

Il cavolfiore contiene vitamina C, che svolge un ruolo importante nella produzione di collagene che protegge le articolazioni e le ossa dai danni infiammatori. Inoltre, contiene vitamina K, che può aiutare a prevenire la perdita ossea in uomini e donne.

Tratta i disturbi nervosi

Il sulforafano e gli indoli presenti nel cavolfiore attivano gli enzimi di disintossicazione, che innalzano il livello di glutatione e aiutano a trattare le lesioni neuronali causate da infiammazione e stress ossidativo nelle malattie come Alzheimer e Parkinson.

Abbassa l’ipertensione

Promuove anche la stimolazione del colesterolo HDL e abbassa la pressione sanguigna. Inoltre, gli acidi grassi a base di fibre e Omega-3 presenti nel cavolfiore aiutano anche a ridurre il colesterolo cattivo LDL e prevengono l’indurimento delle arterie.

Previene l’obesità

Studi hanno sostenuto il fatto che il consumo di cavolfiore è utile per prevenire varie infiammazioni e disturbi metabolici nel corpo. Aiuta anche nella stimolazione della termogenesi brucia grassi e previene l’obesità.

Migliora la salute del cervello

Il cavolfiore contiene colina e fosforo, entrambi efficaci nel riparare le membrane cellulari. Questo è essenziale per il funzionamento efficiente del cervello e del sistema nervoso per la trasmissione dei segnali nervosi.

Benefici anche in gravidanza

Assumere colina in gravidanza migliora l’accrescimento e le connessioni dei neuroni dell’ippocampo, una regione del cervello coinvolta nell’apprendimento e nella memoria. Un recente studio ha dimostrato che somministrare sulforafano, di cui il cavolfiore è ricco, per 4 settimane ai bambini con autismo, ne migliora in maniera significativa il comportamento e la comunicazione.

Controlla il diabete

Un regolare apporto di cavolfiore aiuta a ridurre il rischio di diabete a causa della presenza di vitamina C e potassio. Il contenuto di potassio nel cavolfiore aiuta a regolare il metabolismo del glucosio. Bassi livelli di potassio nel corpo possono infine alzare i livelli di zucchero nel sangue. Oltre a questo, gli studi hanno sostenuto che la vitamina B-6 presente nel cavolfiore è anche efficace nel migliorare la tolleranza del glucosio nei pazienti con diabete gestazionale.

Previene l’ictus

La ricerca suggerisce che il consumo di frutta e verdura a polpa bianca come il cavolfiore aiuta a ridurre il rischio di ictus, a causa della presenza di allicina composta, che aiuta anche la pulizia del fegato e del sangue.

Come consumare il cavolfiore

Estremamente versatile, può essere consumato crudo, aggiunto alle insalate, utilizzato come ingrediente principale di zuppe o creme, servito come condimento per la pasta, come contorno o come versione più salutare di un purè di patate. Inoltre, consumare prima di coricarsi una porzione di cavolfiore (100 grammi) può alleviare alcuni tic nervosi, come digrignare i denti durante il sonno; una condizione chiamata bruxismo.

Controindicazioni

Il cavolfiore contiene sostanze che ostacolano il lavoro della Tiroide ed è pertanto sconsigliato a coloro che soffrono di ipotiroidismo. È preferibile che i soggetti con problemi di colon irritabile ne limitino il consumo, dal momento che questo ortaggio potrebbe provocare gonfiore all’addome e diarrea.

I cavolfiori garantiscono un ottimo apporto di fibre e polifenoli, vitamine, minerali e beta-carotene.

Articoli Simili :

Melograno il frutto della longevità

admin

Ottobre – Frutta e Verdura di Stagione

admin

Semi per germogli benefici e proprietà nutritive

admin

Lascia un Comento

* Utilizzando questo modulo acconsentite alla memorizzazione e al trattamento dei vostri dati da parte di questo sito web.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere dati statistici e mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione sul sito, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto Leggi di Più