NaturalMente Verde
Salute

13 vitamine essenziali – I pilastri della vita

13 vitamine essenziali

13 vitamine essenziali – I pilastri della vita.

Queste vitamine sono essenziali per il nostro organismo, ognuno dei quali ha un ruolo decisivo per la nostra salute.

Vitamina A

Rafforza il sistema immunitario e l’acutezza visiva; legano i radicali liberi neutralizzandoli agendo così contro l’invecchiamento precoce della pelle. Ma per avvalere di questa vitamina bisogna assumerla solo in combinazione con un grasso, per esempio, un filo d’olio nel succo di carota.
Le fonti più importanti: fegato di vitello, anguilla affumicata, le verdure e la frutta di colore verde, giallo e arancione.

Vitamina B1

Influenza l’interazione cervello-nervi-muscoli, contribuendo così a mantenere la forza fisica e mentale. Un cucchiaio di lievito al giorno può compensare le piccole lacune. Evitare, per quanto possibile, farina bianca, zucchero e dolci, perché il loro metabolismo consumano la vitamina C.
Le fonti più importanti: pane integrale, germogli di erba medica detta anche alfalfa, fagioli, ceci.

Vitamina B2

È necessaria per il corpo per poter convertire i carboidrati, grassi e proteine in sostanze nutritive. Stimola il processo di guarigione della pelle e combattere i radicali liberi dannosi. Si può facilmente coprire le necessità quotidiane, consumo di prodotti lattiero-caseari.
Le fonti più importanti: yogurt, ricotta, lievito di birra, broccoli, spinaci e funghi.

Vitamina B6

Contribuisce alla sintesi e alla decomposizione di albumina nel corpo; protegge le funzioni cerebrali e previene disturbi come la depressione. Inoltre dirige la divisione cellulare e ci fa dormire bene.
Le fonti più importanti: sardine, salmone, fegato di vitello, banane, cavoli di Bruxelles, patate, carote, avocado.

Vitamina B12

Ha un ruolo importante nel metabolismo delle cellule nervose, la formazione e la maturazione dei globuli rossi e materiale genetico. Nelle persone con rigorosa dieta vegetariana (vegana), possono verificarsi fenomeni di carenza(la distrofia).
Le fonti più importanti: lievito di birra, germogli di semi di verdure, alghe, aringhe, ostriche, crauti e formaggio.

Vitamina B7

Sostiene le funzioni del metabolismo centrale, ha la capacità di ridurre il colesterolo, stimola la memoria, contrastando il deperimento delle cellule nervose e migliora le funzioni del fegato.
Le fonti più importanti: lievito di birra, avocado, cereali integrali, pesce, tuorlo d’uovo, noci, cioccolato e banane.

Vitamina C (acido ascorbico)

Attiva il metabolismo cellulare e rafforza il sistema immunitario, ci protegge dal raffreddore. Previene l’arteriosclerosi e ostacola lo sviluppo dei tumori. Le bevande con vitamina C consumati durante i pasti stimolano l’assorbimento del ferro.
Le fonti più importanti: peperone rosso, ribes nero, agrumi, cavolo, lattuga, pomodori, spinaci.

Vitamina D

Rinforza le ossa e i denti, prevenire l’osteoporosi e in combinazione con vitamina A stimola la respirazione cellulare. Solo 10-20 minuti di sole al giorno sono sufficienti garantire il necessario di vitamina D.
Le fonti più importanti: Questa vitamina è scarsamente contenuta nei cibi. Lo si può trovare nel salmone, avocado, funghi, spinaci, cavolo i il più importante nel olio di fegato di merluzzo.

Vitamina E (tocoferolo)

Ha effetto antinfiammatorio, accelera la guarigione delle ferite, protegge contro arteriosclerosi, previene il cancro. Protegge la nostra pelle contro le sostanze tossiche nell’ambiente e anche contro le radiazioni solari.
Le fonti più importanti: si trova soprattutto nei frutti oleosi (olive, arachidi, mais), germogli di grano, noci, avocado, soia, legumi e verdure a foglia verde.

Vitamina B9 (acido folico)

È fondamentale per la creazione dell’emoglobina. Inoltre, aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, utilissima per la sintesi delle proteine.
Le fonti più importanti: lievito di birra, germogli di grano, spinaci, finocchi, broccoli, barbabietole rosse, lattuga, fagioli, soia, mandorle, amarene e agrumi.

Vitamina K

Stimola la coagulazione del sangue e di conseguenza favorisce la guarigione delle ferite minori. Poiché contribuisce alla mineralizzazione delle ossa, ci protegge da osteoporosi. Piccole quantità di vitamina K produce il corpo stesso, dai batteri nell’intestino crasso.
Le fonti più importanti: verdure a foglia verde, kiwi, avocado, fiocchi d’avena, pomodori, cime di rapa, cavoli e legumi.

Vitamina B3 (niacina)

Contribuisce al funzionamento del metabolismo e del sistema nervoso. È essenziale per la respirazione cellulare, aiuta al riassorbimento di carboidrati, proteine e grassi. Può “riparare” l’informazione genetica errata, rendendo possibile la rigenerazione delle cellule.
Le fonti più importanti: carni bianche, lievito di birra, spinaci, cavoli, mais, arachidi, fegato di manzo, salmone, pesce spada e tonno.

Vitamina B5 (acido pantotenico)

Sostiene i processi metabolici del corpo e rafforza l’immunità delle mucose. Stimola la crescita dei capelli e previene l’invecchiamento precoce della pelle(usato nelle creme), cicatrizza le ferite causate da ustioni e abrasioni.
Le fonti più importanti: lievito di birra, cereali integrali, legumi, tuorlo d’uovo, funghi essiccati, fegato di suini, bovini e ovini.

Salviamo le Vitamine!

L’acquisto

La frutta esotica, spesso, viene raccolta acerba e trasportata su distanze molto lunghe, che fa “uccidere” le vitamine. Quindi è meglio acquistare frutta fresca di stagione, di provenienza locale “a chilometro zero” o italiana, preferibilmente interi e sfusi. Il consumo di frutta e verdura prodotte in Italia, oltre a sostenere l’economia agricola italiana rappresenta anche una scelta valida dal punto di vista ambientale. Inoltre i prodotti freschi sono più nutrienti e saporiti di quelli provenienti da lontano.
Evitare di lasciarle per ore nel porta bagagliaio caldo.

Conservazione

In teoria, tutti gli alimenti devono essere conservati frigorifero o in un luogo fresco e asciutto e consumarli in breve tempo. Meglio comprare in piccole quantità e più spesso.

Preparazione

Prima di tutto bisogna ricordare che, una volta tagliati, i vegetali perdono rapidamente le vitamine. Oltre a deteriorarsi ed afflosciarsi per via della perdita di acqua, il contenuto in antiossidanti si riduce del 50% nei prodotti tagliati e imbustati.
Anche se avete acquistato prodotti già lavati e tagliati è consigliabile lavarli prima del consumo. In questo modo, si può diminuire la carica batterica residua presente. Per le verdure congelate, possiamo metterle direttamente nell’acqua bollente senza scongelarle prima. Teniamo presente che tante vitamine e sostanze nutritive ad alte temperature tendono a scomparire, quindi cucinare e consumare previa cottura.

Leggi anche:
Potassio un minerale indispensabile dai mille benefici
Biotina – funzioni e benefici per la salute
Vitamine e minerali 5 modi per assorbile meglio

Articoli Simili :

Dimagrire e contrastare la cellulite con le fragole

admin

Afte o stomatiti aftose cause e rimedi naturali

admin

Aromaterapia effetti benefici per salute e bellezza

admin

Lascia un Comento

* Utilizzando questo modulo acconsentite alla memorizzazione e al trattamento dei vostri dati da parte di questo sito web.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere dati statistici e mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione sul sito, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto Leggi di Più